casagreen

Bonus Ristrutturazione: lo sconto in fattura è del 110%

Ristrutturare casa non è mai stato così conveniente grazie al Bonus Ristrutturazione 110!

Hai appena finito di ristrutturare un immobile e vuoi sapere come richiedere il bonus ristrutturazione 2020?

Stai pensando di rifare casa e vuoi approfittare del bonus ristrutturazione 2021?

E’ arrivato il momento di scoprire quali spese di ristrutturazione sono comprese nel superbonus 110% e quali sono le pratiche da seguire per poter ottenere il rimborso del 110% in fattura.

Segui la nostra guida sul superbonus 110% e potrai aumentare il valore della tua casa a costo zero!

Cos’è il bonus ristrutturazione?

Prima di vedere come richiedere il superbonus 110% è bene comprendere cosa dice il provvedimento (art. 119 del Decreto-legge 19 maggio 2020 n.34) e quali sono gli interventi che lo interessano.

Il bonus ristrutturazione non è altro che una detrazione di imposta pari al 110% per i lavori di efficientamento energetico, sostenuti tra il 1 Luglio 2020 ed il 30 Giugno 2022 su un immobile residenziale.

Per poter usufruire del superbonus 110 è necessario però che l’intervento apporti un miglioramento energetico di almeno due classi energetiche.
Di conseguenza, non può essere applicato su qualsiasi lavoro di ristrutturazione e/o ammodernamento energetico effettuato, ma solo su quelli che effettivamente consentano tale passaggio di classe.

Ti consigliamo quindi, prima di iniziare qualsiasi lavoro, di consultare un tecnico specializzato accreditato come certificatore energetico per verificare se sussistano tutti i requisiti per usufruire della detrazione.

Se non lo sai, anche noi di Green Network siamo un ente accreditato per  questi interventi!

Cosa si intende per sconto in fattura del 110%

Se hai letto bene l’ecobonus non è del 100%, ma del 110%.
Ciò significa che grazie al bonus ristrutturazione non solo riceverai il rimborso intero delle spese sostenute (sotto forma di detrazione di imposta), ma anche di un extra 10%!

Nel caso, ad esempio, in cui decidessi di sostenere lavori di ristrutturazione per un valore complessivo di 35.000,00€, ti verrà restituita la cifra di 38.500,00€ in 5 quote annuali di pari importo

La detrazione è ripartita tra tutti gli aventi diritto ed è riconosciuta entro i limiti di capienza dell’imposta annua derivante dalla dichiarazione dei redditi.

Se hai quindi intenzione di ristrutturare casa o di apportare qualche miglioria, questo è il momento giusto per farlo!

Requisiti per ottenere il bonus ristrutturazione

Prima di procedere con qualsiasi lavoro di ristrutturazione, accertati di poter essere realmente un beneficiario del superbonus 110%, per evitare brutte sorprese al momento della dichiarazione dei redditi!

Qui sotto trovi riepilogati tutti i requisiti imprescindibili per poter usufruire del superbonus 110% ed ottenere il relativo sconto in fattura.

1

Essere un reale beneficiario della detrazione

Al contrario di quello che molti pensano, possono usufruire dello sconto in fattura del 110% non solo i proprietari degli immobili, ma anche:

  • inquilini o comodatari
  • nudi proprietari
  • titolari di un diritto reale di godimento (usufrutto, uso, abitazione o superficie)
  • familiari conviventi del possessore/detentore dell’immobile
  • componente dell’unione civile
  • coniuge separato assegnatario dell’immobile intestato all’altro coniuge
  • convivente more uxorio (coppie di fatto che hanno formalizzato la loro convivenza con il patto di convivenza).

L’Agenzia delle Entrate ha infatti decretato che il superbonus 110% spetta a tutti i contribuenti che possiedono o detengono l’immobile oggetto dell’intervento all’inizio dei lavori o del sostenimento delle spese (se antecedente all’avvio).

Nel caso quindi in cui sia l’affittuario a voler beneficiare dello sconto in fattura del 110% dovrà dimostrare di possedere:

  • un contratto di locazione regolarmente registrato
  • il consenso del proprietario a procedere con i lavori.
2

Fare lavori di efficientamento energetico

Il superbonus 110% spetta di norma a chi effettua interventi trainanti (considerati come principali) ovvero:

  • isolamento termico (cappotto) sugli involucri dell’edificio: superfici opache orizzontali, verticali e oblique con un’incidenza superiore al 25% della superficie disperdente lorda dell’edificio
  • sostituzione di impianti termici (climatizzazione invernale) di unità immobiliari indipendenti (sia unifamiliari che plurifamiliari) oppure sulle parti comuni dei condomini
  • interventi antisismici.

E’ possibile ottenere lo sconto in fattura del 110% anche per gli interventi trainati (aggiuntivi), purché siano stati eseguiti insieme ad almeno uno degli interventi trainanti sopra menzionati.

Per interventi trainati si intende:

3

Effettuare pagamenti tracciati

L’ultimo requisito per ottenere il bonus ristrutturazione è quello di provare le spese sostentute per gli interventi trainanti e trainati.

Nello specifico, il metodo di pagamento richiesto dall’Agenzia delle Entrate è il bonifico “parlante” ovvero un bonifico bancario o postale (va bene anche se effettuato online).

Ogni bonifico effettuato però deve contenere le seguenti informazioni:

  • causale del versamento
  • codice fiscale del beneficiario della detrazione
  • numero di partita IVA o codice fiscale del destinatario del bonifico (ditta o professionista che ha effettuato i lavori).

Al fine di ottenere lo sconto in fattura del 110% è inoltre necessario allegare alla dichiarazione dei redditi anche i seguenti documenti:

  • certificazioni energetiche ante e post lavori che attestino l’effettivo miglioramento energetico di due classi
  • relazione di conformità rilasciata dal tecnico che confermi i requisiti tecnici e la congruità delle spese sostenute.

Superbonus 110: modifiche del Governo Draghi

A partire dal 30 Aprile 2021 il governo Draghi potrebbe apportare alcune modifiche sostanziali al superbonus 110 come:

  • proroga dell’orizzonte temporale fino al 31 Dicembre 2023
  • riduzione dell’aliquota fissa al 75%
  • semplificazione delle procedure 
  • estensione ad ulteriori beneficiari
  • creazione di un testo unico delle detrazioni fiscali.

Per questo motivo ti consigliamo di approfittare del bonus ristrutturazione il prima possibile avvalendoti di un ente certificatore come il nostro.

Se scegli di fare i lavori di efficientamento energetico con Green Network, penseremo noi a tutta la procedura, dalla compilazione delle pratiche autorizzative fino all’installazione degli impianti.

Inoltre, cedendoci il 110% delle spese come credito fiscale, non rischierai nè anticiperai nulla, in quanto saremo noi a sostenere tutte le spese dell’intervento!

Scopri subito come fare ed inviaci il modulo di informazioni compilato per ricevere il supporto da un nostro tecnico!