casagreen

Come costruire un orto verticale con il pallet

In questo articolo ti spiegheremo come creare un orto verticale con il pallet e cos’è quest’ultimo.

Abbiamo a lungo parlato di orto verticale come idea originale e sostenibile per sfruttare al meglio gli spazi interni ed esterni della propria casa. Gli spunti per creare un orto verticale sono tanti e tra questi c’è l’utilizzo del pallet.

Cos’è il pallet?

Il pallet è creato da un incrocio di assi di legno ed è stato definito icona del minimalismo industriale, sempre più spesso è usato nel fai da te e nell’organizzazione degli spazi in modo flessibile. Essendo un materiale grezzo è ideale per gli spazi esterni inserito sui balconi, in giardino oppure per la creazione di panche.

Come creare un orto in pallet? Ecco tutti gli step

  1. Recupera il pallet, non è necessario acquistarlo, ma puoi trovarlo presso qualche spaccio aziendale oppure davanti al supermercato, di solito viene regalato. Poi puoi decidere di lasciare la struttura al naturale oppure carteggiarla e successivamente colorarla.
  2. Procurati tutti gli strumenti utili: tieni a portata di mano un telo impermeabile, per coprire il tuo orto in pallet quando piove, facilmente reperibile nei negozi fai da te. Procurati dei chiodi, ti serviranno successivamente per agganciare il pallet al muro o balcone oppure delle ruote girevoli nel caso in cui volessi rendere il tuo orto verticale mobile.
  3. Inizia a creare il tuo orto: posiziona il bancale, inserisci il terriccio, i semi e le piantine che preferisci. La parete vegetale che si creerà dovrà rimanere un paio di settimane in orizzontale per far in modo che successivamente il terreno si compatti e le radici attecchiscano, successivamente potrai posizionarlo in verticale appoggiandolo ad un muro o recinzione.
  4. Piano piano le piantine inizieranno a crescere: per creare un effetto uniforme inserisci sei piantine per ogni spazio. Puoi piantare ortaggi ma anche piante che abbelliscano il tuo orto verticale come ciclamini, lavanda, rose, ortensie.
  5. Ricordati di concimare e innaffiare le piantine. Per innaffiarle ti suggeriamo di procedere dall’alto e con uno spruzzatore, posizionando un lungo sottovaso in basso.