futurogreen

Bioedilizia: ecco cos'è e perché fa bene all'ambiente

Negli ultimi tempi si parla spesso di bioedilizia, un’alternativa forma di architettura che lega insieme il design all’ecosostenibilità dei materiali e la riduzione dell’inquinamento prodotto.

Le case in bioedilizia sono infatti pensate e costruite rispettando al massimo l’impatto ambientale della struttura e dei suoi futuri coinquilini, abbattendo al minimo le emissioni prodotte.

Bioedilizia: definizione e caratteristiche

Il concetto di case in bioedilizia poggia, in senso figurato, su tre pilastri fondamentali che sono: ambiente, salute e risparmio energetico. Gli addetti ai lavori dovranno infatti progettare ogni ambiente tenendo conto dello stretto rapporto che esiste tra uomo e natura. Per creare una casa in bioedilizia si useranno quindi sempre tecniche innovative e materiali naturali, utilizzando risorse rinnovabili in ogni fase del processo costruttivo. La nuova frontiera dell’architettura è basata sui termini bio ed edilizia e la volontà è infatti quella di non nuocere all’ambiente né durante la progettazione né tantomeno nel momento della realizzazione del nuovo edificio.

Bioedilizia e case green: tutti i vantaggi

La casa in bioedilizia non è formata solo da quattro mura che proteggono gli uomini e le donne che la abitano ma sono dei luoghi in cui si può davvero ridurre il proprio impatto ambientale, con ricercatezza e creatività. I vantaggi di una costruzione in bioedilizia non sono soltanto legati all’inquinamento ma anche ad aspetti economici e sociali, perché tutti gli sprechi sono ridotti al minimo, come quelli di acqua ed energia. I principali effetti positivi della bioedilizia per definizione sono la riduzione delle emissioni di CO2, la conservazione della biodiversità, degli ecosistemi e delle risorse naturali e il miglioramento della qualità dell’acqua e dell’aria.

La bioedilizia conviene

In termini economici, quando si realizza un edificio con la bioedilizia c’è una sostanziale riduzione dei costi di costruzione, nonché delle spese legate ai costi operativi e ai consumi. Incentivare questo mercato vuol dire sposare a pieno la green economy e dare il via ad un circolo virtuoso che migliora la vita delle persone, dell’ambiente in cui vivono e la salute di una società.

Bioedilizia e turismo sostenibile

L’hanno capito i tanti hotel che negli ultimi anni stanno investendo proprio nella bioedilizia per realizzare strutture ricettive di qualità come alberghi, b&b e agriturismi ecologici che richiamano tantissimi turisti attenti all’ambiente da tutto il mondo. È in crescita infatti il numero di persone che richiede, non solo per la propria casa, ma anche per gli alloggi duranti i viaggi di piacere, di poter vivere in mezzo a spazi ben coibentati, alimentati ad energia pulita e con arredi ecosostenibili e alternativi. Cosa c’è di più bello che vivere in una casa integrata perfettamente nel suo ambiente circostante, poter usare risorse energertiche naturali e risparmiare su acqua, luce e gas?

Sentiremo sempre più spesso parlare di bioedilizia e forse un giorno si costruirà solo tenendo conto del contesto e delle risorse energetiche naturali.