vitagreen

Plogging, spopola lo sport sostenibile che salva l’ambiente

Fare attività fisica rispettando l’ambiente che ci circonda: un dovere morale che può trasformarsi in una forma molto più alta di impegno civico.

L’idea è nata in Svezia e si è diffusa a macchia d’olio in brevissimo tempo. Questo sport sostenibile si chiama plogging e consiste nel correre (a piedi o in bici) raccogliendo i rifiuti che si incontrano lungo il percorso. Se siete scettici sui benefici che può portare al vostro corpo, allora non vi resta che leggere le prossime righe.

Cos’è il plogging?

Il plogging può essere annoverato senza mezze misure tra gli sport ecologici. La sua genesi è recente e si deve a Erik Ahlström, un runner di Stoccolma. Fu infatti lui, nel 2016, a coniare questo neologismo fondendo i termini “plocka upp” (raccogliere) e “jogging”. Il significato è presto svelato: raccogliere rifiuti mentre si corre. Abituato a correre per le strade della sua città, Ahlström rimase stupito dalla presenza di immondizia e cianfrusaglie disseminate sul suo percorso. Così, guidato dalla preoccupazione sull’inquinamento globale, iniziò a raccogliere in prima persona i rifiuti, dando inizio a un’attività che si è diffusa velocemente in tutto il pianeta.

Plogging, lo sport ecologico che rigenera corpo e anima

sport sostenibile: arriva il plogging

Strade, parchi cittadini, zone rurali, boschi. Ogni posto è quello giusto per praticare il plogging. La disciplina è ovviamente aperta a tutti, basta munirsi del giusto abbigliamento da runner e dotarsi di guanti e borsa riciclabile. L’unico consiglio utile per diventare un buon plogger è quello di evitare i sacchetti di plastica. Il resto dipenderà dal grado di allenamento e dalle disponibilità di tempo individuale, ma i risultati sono assicurati.

Il sito Go Plogging evidenzia infatti come, per una persona di corporatura media, mezz’ora di attività permetta di bruciare circa 60 calorie in più rispetto al jogging tradizionale, per una media di 330 ogni mezz’ora. Il merito è dovuto alle maggiori sollecitazioni a cui è sottoposto il fisico, chiamato ad effettuare esercizi di squat (per piegarsi a raccogliere i rifiuti) e ai continui rilanci d’andatura, ogniqualvolta ci si ferma e si riparte, utili a bruciare più grassi. Altro che ripetute e allunghi!

Plogging: come correre per un mondo più pulito

Naturalmente fare plogging significa anche sentirsi in pace con sé stessi , facendo del bene all’ambiente. Non è quindi un caso se questa innovativa forma di sport sostenibile ha subito preso piede in ogni angolo del mondo. Su Instagram gli hashtag #plogging e #plogga mettono insieme quasi 100.000 post, mentre in Italia già spopola “Keep Clean and Run+”, un evento di puro plogging articolato sulla distanza di 730 chilometri dal Monviso al delta del Po.

Salvare l’ambiente correndo è davvero una missione alla portata di tutti!

Credits Photo:goplogging.org