Luce

Fonti di energia rinnovabili, i vantaggi dell’energia del futuro

L‘efficientamento energetico basato sulle risorse “Verdi” è infatti sempre più un tema caro alle aziende (indipendentemente dalla loro grandezza) ed è per questo che abbiamo deciso di dedicare un articolo a questo argomento.

Fonti energetiche rinnovabili, due domande e due risposte

Fonti energetiche rinnovabili, due domande e due risposte

Se ne fa un gran parlare da ormai parecchi anni, ma quali sono le fonti di energia rinnovabili? Perché vengono chiamate così? Iniziamo a rispondere a quest’ultimo quesito.

Risorse rinnovabili: perché si chiamano così?

Le risorse rinnovabili, sia materiali che immateriali, vengono definite in questo modo per la loro capacità di riprodursi ad una velocità superiore o uguale al tasso di utilizzo. La loro attitudine può essere naturale o svilupparsi grazie alla mano dell’uomo. Molte di queste sono energie del tutto pulite naturali, ovvero non immettono nell’atmosfera sostanze inquinanti o tendenti ad alterare il clima, come la temuta CO2.

Sfruttano i raggi del sole, il vento, le maree, la pioggia, le onde,il calore geotermico, vengono usate per produzione dell’energia elettrica, ma anche per il riscaldamento e il raffreddamento ad acqua e aria, per il servizio di trasporti e per la fornitura di quei servizi energetici rurali non forniti attraverso una rete di distribuzione.

Risorse rinnovabili: quali sono?

Le energie rinnovabili possono essere di vario tipo: solare, idroelettrica, eolica, geotermica. Vediamo insieme gli aspetti più nel dettaglio.

  • Energia solare: fonte primaria di energia del nostro pianeta, può essere incanalata attraverso strumentazioni ad hoc come i pannelli fotovoltaici e successivamente trasformata in energia elettrica da sfruttare all’interno della propria abitazione.
  • Energia idroelettrica: l’acqua è un altro bene prezioso che la Terra ci mette a disposizione. La potenza che le masse d’acqua hanno ad una certa altitudine viene trasformata in energia elettrica. Si sfruttano sia corsi d’acqua naturali come fiumi e laghi, sia i corsi d’acqua artificiali come le dighe.
  • Energia eolica: è ricavata dalla forza del vento e diventa elettrica attraverso aerogeneratori connessi alle pale eoliche. In Europa la Danimarca è la nazione capofila di generazione di energia eolica: nel 2017 il 43,4% dell’energia elettrica è stata prodotta dal vento.
  • Energia geotermica: si basa sulla geotermia, si sfrutta il calore naturale della terra e delle rocce che, alimentando una turbina, diventa vapore.

La definizione di energia rinnovabile viene spesso confusa con energia sostenibile. Si tratta di ambiti differenti in particolare l’ energia sostenibile è strettamente correlata al concetto di sviluppo sostenibile, si intende, più in generale, anche l’efficienza nell’uso delle energie e la salvaguardia dell’ambiente.

Fonti di energia non rinnovabile

Le fonti di energia non rinnovabile sono quelle che sfruttano le risorse della Terra che vanno ad esaurirsi, producendo quindi un impatto ambientale assai superiore rispetto all’energia verde che abbiamo poc’anzi illustrato (e che, ricordiamo, sfrutta tipologie di energie inesauribili o esauribili, ma che vanno a reintegrarsi in tempi relativamente brevi).

Esempi di fonti di energia non rinnovabile sono i combustibili fossili (come il carbone, il petrolio, i gas naturali, urano, petrolio e altri elementi utilizzati per produrre energia nucleare).

Il carbone nelle sue varie tipologie (antracite, litantrace, lignite e torba) è stata per decenni la fonte più sfruttata, almeno fino all’avvento del petrolio.

Aziende energie rinnovabili e futuro: la svolta è green

Secondo un’indagine condotta dal Renewable Energy Policy per il 21esimo secolo (Ren21) circa il 20% del consumo globale di energia di tutti gli individui del pianeta proviene dalle energie rinnovabili, settore nel quale attualmente vengono investiti più di 280 miliardi di Dollari l’anno.

Le aziende hanno contribuito e stanno contribuendo molto a questo trend. A confermarlo sono i dati del Global Trends in Renewable Energy Investment 2019, secondo i quali negli ultimi anni c’è stato un autentico boom nella richiesta di rinnovabili.

Se si guarda al periodo compreso tra il 2010 e il 2019 si notano investimenti a livello mondiale di ben 2500 miliardi di Dollari, con l’energia solare a fare da capofila con oltre la metà degli investimenti.

Nell’ultimo decennio l’energia solare ha esteso la sua capacità passando da 25 Gw (Gigawatt) a 663 Gw: 26 volte in più! Per rendere meglio la portata di questi numeri basti pensare che una quantità tale di Gw è sufficiente per soddisfare il fabbisogno di un anno di 100 milioni di case negli Stati Uniti d’America.

Il merito è anche delle tante imprese che guardano al green. Uno degli esempi più virtuosi è rappresentato da Facebook. Il colosso dei social network ha acquistato 1,1 GW di energia elettrica derivante da sole ed eolico, lo stesso esempio è stato seguito da Microsoft.

Energie rinnovabili - aziende: perché dire Sì

Le energie pulite vantano diversi motivi per essere scelte.

  • Dal punto di vista economico, l’azienda può ottenere un risparmio sui costi se produce autonomamente energia tramite l’installazione di impianti appositi (prima fra tutti, l’installazione di un impianto fotovoltaico). Grazie allo sviluppo delle tecnologie dedicate e all’aumento delle installazioni, i costi degli impianti sono diminuiti notevolmente e sia privati che piccole e medie imprese stanno comprendendo quanto sia importante scegliere un impianto fotovoltaico.
  • L’efficientamento energetico risulta migliorato del 20%.
  • Dal punto di vista etico, si tratta di una scelta pienamente responsabile. L’azienda contribuisce a ridurre l’impatto ambientale e ad aiutare ad abbattere le emissioni di CO2.

E’ possibile attingere da fonti diverse per ottenere energia pulita senza correre il rischio di esaurirla. Le fonti di energia rinnovabile come sole, vento, acqua sono inesauribili e si rigenerano velocemente al contrario del petrolio, carbone e gas che si esauriscono.

Aziende energie rinnovabili in Italia: le offerte

Sono diverse oggi le aziende che forniscono energia proveniente al 100% da fonti rinnovabili. E in particolare guardando alle offerte Luce, si segnalano tariffe sempre più competitive.

Tra i fornitori di Energia Elettrica e Gas, Green Network, ad esempio, propone delle offerte di fornitura di energia 100% green decisamente convenienti che permettono alle imprese e ai professionisti di ottenere risparmi e benefici straordinari, tutelando l’ambiente.

  • Luce Monoraria: 0,063 €/ kWh
  • Luce Bioraria: 0,071 €/kWh di giorno; 0,059€/kWh di sera
  • Luce Multioraria: 0,070€/kWh per la Fascia F1 e la Fascia F2; 0,054 €/kWh per la fascia F3

Per la propria azienda è possibile scegliere tra tariffe monorarie (unico prezzo per qualsiasi ora e giorno della settimana), biorarie o multiorarie (due o più prezzi a seconda di fasce orarie e giorni).

Come regolarsi davanti a una così vasta gamma di proposte? Innanzitutto analizzando le proprie esigenze di consumo nell’arco della giornata e della settimana e scegliendo l’offerta che più si adatta alle tue esigenze.

Per saperne di più, è possibile consultare i dettagli dell’offerta Luce di Green Network per le imprese.

Hai trovato interessante l’articolo? Condividilo sui social.