Luce e Gas

Proroga Mercato tutelato. Cosa succede?

In Italia era stata inizialmente stabilita come data per il passaggio definitivo dal mercato tutelato al mercato libero quella dell’1 luglio 2019. Successivamente (nell’agosto del 2018) la deadline è stata spostata all’1 luglio 2020, infine è stata ulteriormente posticipata all’1 gennaio 2022 con l’emendamento decisivo inserito all’interno del cosiddetto decreto milleproroghe.

Più nel dettaglio, come visto anche nella guida sul cambio gestore, Il DL Milleproroghe ha infatti così fissato le scadenze del mercato tutelato:

  • per il gas, al 1 gennaio 2022;
  • per l’energia elettrica:
  • Al 1 gennaio 2021 per le piccole imprese;
  • Al 1 gennaio 2022 per le micro-imprese e per i clienti domestici.

Mercato tutelato: motivo della proroga

È da ormai circa 24 anni che si parla di liberalizzazione del mercato energetico (le prime direttive comunitarie in materia sono datate 1996 per l’energia elettrica, 1998 per il gas naturale). Si tratta di una manovra destinata a portare diversi benefici. Ad esempio, complice la concorrenza che spinge i prezzi al ribasso, con l’abbandono del mercato tutelato si prevede un risparmio sia per i privati che per le aziende.

Si dovranno attendere ancora parecchi mesi, però, per vedere attuate le nuove disposizioni. In molti si chiedono cosa accadrà a quegli utenti che alla scadenza stabilita (31 dicembre 2021) non avranno ancora operato una scelta?

Il Governo sta vagliando a tal proposito alcune misure, ma nulla è certo. Sarà il Ministero dello Sviluppo Economico a disciplinare le modalità per un ingresso consapevole dei clienti finali nel mercato tenendo conto della necessità di garantire la concorrenza e la pluralità di fornitori e offerte. ARERA dovrà poi prevedere un “servizio a tutele graduali” per i clienti senza fornitori di energia elettrica e misure per prevenire aumenti dei prezzi e alterazioni delle condizioni di fornitura.

Qualcuno potrebbe pensare che la soluzione della mancata scelta e del passaggio automatico sia comoda e che non si ci sia nulla da perdere, ma in realtà è vero l’esatto opposto. In base a quanto previsto dalla normativa, chi resterà senza fornitore potrebbe essere rifornito nell’ambito di un servizio a tutele graduali, con una progressiva maggiorazione del prezzo.

La strada per evitare un probabile sovrapprezzo è una: passare al mercato libero prima della scadenza della maggior tutela, scegliendo la tariffa luce e gas casa o per le imprese più conveniente e adatta alle proprie necessità.

Dove reperire le informazioni utili sul passaggio al mercato libero

Dove reperire le informazioni utili sul passaggio al mercato libero

Ogni utente ha diversi modi per reperire tutte le informazioni necessarie per compiere una scelta conveniente e consapevole: online, sui siti dei diversi operatori, oppure rivolgendosi allo Sportello per il consumatore dell’ARERA, disponibile al numero verde 800 166 654.

Le statistiche affermano che le aziende hanno dimostrato di avere una maggiore capacità di interfacciarsi con il libero mercato rispetto ai clienti domestici.

Il 20% delle imprese ha già cambiato almeno una volta operatore, rispetto al 14% dei clienti domestici, numeri che dimostrano come ci sia ancora tanto da lavorare a livello comunicativo per far capire le opportunità e i vantaggi della liberalizzazione.

Il Codice di condotta commerciale

Il Codice di condotta commerciale è un valido strumento nelle mani del consumatore. Quando decidi di passare ad un nuovo gestore e al mercato libero, devi sapere che:

  • l’azienda erogatrice del servizio fornisce, già in fase precontrattuale, informazioni sulla società stessa e le clausole contrattuali
  • il cliente dispone delle informazioni necessarie per una scelta consapevole a partire dalla proposta contrattuale fino alla stipula del contratto di vendita

L’ARERA ha proposto di rafforzare alcune disposizioni del Codice al fine di rendere quanto più chiari possibili i termini dell’accordo tra venditore e cliente.

Mercato tutelato, rinvio: cosa fare entro la scadenza della proroga

Il mercato dell’energia si prepara dunque ad un cambiamento epocale che attualmente coinvolge, come abbiamo visto, diversi milioni di utenti luce e gas. Questi, entro la data di scadenza della proroga del mercato tutelato dovranno siglare un contratto con una compagnia che operi nel libero mercato. Se sei ancora tra gli utenti del mercato tutelato, ti consigliamo di giocare d’anticipo e di scegliere già da oggi l’offerta gas e luce più conveniente per la tua famiglia o la tariffa luce e gas migliore per la tua impresa.

Perché conviene passare subito al Mercato Libero

Come già visto nella guida sul Passaggio al Mercato Libero, ci sono una serie di motivi per cui ogni utente dovrebbe passare subito al Mercato Libero senza attendere la scadenza della proroga del mercato tutelato.

  • Non ti troverai in una spiacevole situazione di stallo, ovvero fra quelli che hanno deciso… di non decidere.
  • Eviterai l’incognita del “servizio a tutele graduali” decise dal Governo che sono, come illustrato nei paragrafi precedenti, attualmente in fase di studio. Queste comporteranno con tutta probabilità un sovrapprezzo che potrai evitare decidendo di optare per il libero mercato prima della fine del 2021.
  • Potrai godere subito dei risparmi e dei vantaggi garantiti da una bolletta con tariffe più basse.

Sono numerose le compagnie che in questo periodo propongono soluzioni molto interessanti. Ti consigliamo, perciò, di giocare d’anticipo e sfruttare il web per scoprire subito le proposte migliori, come quelle offerte da Green Network, tra le quali sarà facile trovare una soluzione adatta alle tue necessità, per risparmiare… rispettando l’ambiente.

Cosa aspetti? Il cambiamento è alle porte, scoprine subito tutti i vantaggi.