TV e Audio

Apparecchi elettronici come televisore, decoder, home theatre e Hi-Fi di uso comune possono essere utilizzati in maniera più efficiente, riducendo i costi di bolletta.
Ridurre gli sprechi, e seguire piccole regole ci aiuta non solo a risparmiare in termini economici, ma a diminuire il nostro impatto sull’ambiente.

Decoder

I decoder sono presenti ormai accanto alla maggior parte dei televisori italiani. Ne esistono ormai molti modelli ma tutti consumano in media 3-5 Watt se in standby, 15-20 se accesi.

Per questo nell’utilizzo valgono queste poche regole generali:

  • Non sottovalutare lo standby perché responsabile di quasi il 30% della bolletta elettrica con una spesa ulteriore per famiglia fino a 250 euro annui. Ricordate quindi non solo di spegnere l’apparecchio (che nelle ore di inutilizzo continua ad assorbire potenza), ma anche di staccare la presa oppure utilizzate una multi presa con interruttore per spegnere insieme anche lettori DVD, decoder, etc.
  • Molti dei nuovi apparecchi utilizzano collegamenti HDMI (High Definition Multimedia Interface), per mezzo di un unico cavo che porta il segnale digitale audio e video che sostituisce la vecchia presa SCART e grazie a queste connessioni è possibile il controllo dello stand-by mediante protocolli ad hoc quali il CEC (Consumer Electronic Control) che mettono automaticamente in modalità stand-by l’apparecchio collegato via HDMI CEC. In questo modo nulla resta più acceso per errore.  Mettendo la TV in stand-by, per esempio, anche lettori DVD, decoder e Home Theatre connessi con HDMI CEC vanno automaticamente in standby, a meno che siano stati programmati diversamente dall’utente.

Home Theatre/ Hi-Fi

Sempre più spesso alle TV si accompagnano sistemi Home Theatre. Il risparmio energetico in questo caso (così come nel caso degli impianti HI-FI ) è chiaramente connesso al numero di casse utilizzate ed alla potenza delle stesse.

  • Avendone la possibilità scegliete di posizionare l’Home Theatre o l’HI-FI in una stanza non troppo grande, in questo modo avrete bisogno di minor potenza per ottenere un ascolto ottimale.
  • Non sottovalutare lo standby perché responsabile di quasi il 30% della bolletta elettrica e rappresenta un ulteriore costo per famiglia stimato fino a  250 euro annui. Ricordate quindi non solo di spegnere l’Home Theatre (che nelle ore di inutilizzo continua ad assorbire potenza), ma anche di staccare la presa, o meglio utilizzate una multi presa con interruttore per spegnere insieme anche lettori DVD, decoder, etc.
  • Molti dei nuovi apparecchi utilizzano collegamenti HDMI (High Definition Multimedia Interface), per mezzo di un unico cavo che porta il segnale digitale audio e video che sostituisce la vecchia  presa SCART e grazie a queste connessioni è possibile il controllo dello stand-by mediante protocolli ad hoc quali il CEC (Consumer Electronic Control) che mettono automaticamente in modalità standby l’apparecchio collegato via HDMI CEC. In questo modo nulla resta più acceso per errore. Mettendo la TV in standby, per esempio, lettori DVD, decoder e Home Theatre connessi con HDMI CEC vanno automaticamente in standby, a meno che siano stati programmati diversamente dall’utente.

Televisore

TV: meglio se LED
I televisori LCD e al plasma consumano meno della metà delle vecchie TV a tubo catodico (c.d. CRT). Le nuovissime TV al LED ancora meno. Il risparmio è però strettamente collegato alla dimensione dello schermo: un vecchio 15” CRT non consuma di più di un nuovissimo LCD a 45”, quindi nell’acquistare una nuova TV sappiate che la grandezza del monitor avrà un impatto considerevole sui consumi. E’ per questo che sull’etichetta energetica dedicata alle TV è specificata anche la lunghezza della diagonale.

Consigli:
È utile collocare la TV su un piano stabile e lasciare, per permettere l’aerazione, uno spazio di almeno 10 centimetri tra la parete e il retro dell’apparecchio.

Impostate le modalità automatiche di risparmio (sensibilità alla luce ambientale e disattivazione  dello schermo) consultando il manuale circa i dettagli che permettono alla vostra nuova TV di risparmiare energia.

È bene evitare la posizione di stand-by: è responsabile di quasi il 30% della bolletta elettrica, rappresentando una spesa ulteriore per famiglia fino a 250 euro annui. Ricordate quindi non solo di spegnere l’apparecchio (che nelle ore di inutilizzo continua ad assorbire potenza), ma anche di staccare la presa oppure utilizzare una multi presa con interruttore per spegnere insieme anche lettori DVD, decoder, etc.

Qualora si desideri (come nel caso dei videoregistratori) mantenere attive le funzioni di telecomando, dell’orologio e della memoria occorre mantenere lo stand-by: siate consapevoli di consumare circa 0,1 kW all’ora.

Molti dei nuovi apparecchi utilizzano collegamenti HDMI (High Definition Multimedia Interface), per mezzo di un unico cavo che porta il segnale digitale audio e video che sostituisce la vecchia presa SCART e grazie a queste connessioni è possibile il controllo dello stand-by mediante protocolli ad hoc quali il CEC (Consumer Electronic Control) che mettono automaticamente in modalità standby l’apparecchio collegato via HDMI CEC. In questo modo nulla resta più acceso per errore. Mettendo la TV in standby, per esempio, lettori DVD, decoder e Home Theatre connessi con HDMI CEC vanno automaticamente in standby, a meno che siano stati programmati diversamente dall’utente.

Questa informazione è stata utile?

Grazie, vuoi lasciarci un feedback?

Campo richiesto

Grazie per la tua valutazione

Siamo spiacenti, si è verificato un errore.
ti preghiamo di riprovare più tardi!

Si informa che questo sito utilizza solo cookie di terze parti. Pertanto, lo stesso non utilizza cookie proprietari per inviare messaggi pubblicitari agli utenti. Qualora desideriate continuare la navigazione di questo sito, si richiede di accettare l’utilizzo dei cookie. Leggi di più

OK